Posts Tagged ‘Arduino SDK’

Project Aurora: Test su strada #2 + Mobile App

Nella giornata di ieri (23 Agosto 2012) abbiamo testato sul “campo” (un campo con la bellezza di 36° di temperatura…)  Arduino e l’applicazione prototipo per Android, ricavando un grandioso risultato!

Nel video postato sotto possiamo vedere Aurora collegata alla porta OBD-II della mia macchina (una Opel Astra GTC modello H 2008) e la ricezione dei dati via bluetooth. I sensori al momento monitorati (per fare i test) sono: Giri al minuto del motore, temperatura dell’acqua e velocità veicolo.

Al momento Aurora spedisce i dati dei sensori ad una velocità di 10 aggiornamenti ogni secondo! Rendendo l’esperienza dell’utente in realtime!
(sotto al video vi descrivo la descrizione tecnica)

Read the rest of this entry »

Post to Twitter Post to Diigo Post to Facebook Post to FriendFeed Post to Google Buzz Post to LinkedIn

Project Aurora: Dove si trova la porta OBD-II ?

In questo post parleremo della porta OBD-II elemento chiave nel nostro progetto Aurora.

:: Un po’ di storia ::
(tratto da wikipedia)

 

L’OBD-II è uno standard definito negli Stati Uniti a metà degli anni novanta che permette di avere un controllo completo sui parametri del motore e monitorare altre parti di un autoveicolo come il telaio e gli accessori; inoltre permette di connettersi al sistema di diagnostica. OBD-II è stato emanato dal California Air Resources Board.
L’OBD-II è soprattutto un’interfaccia a sola lettura per acquisire segnali di diagnostica. Lo standard OBD-II definisce inoltre alcuni comandi per il controllo dell’output, per le modalità di autocontrollo e per l’azzeramento della memoria KAM (Keep Alive Memory).

[...]
Prima dell’autodiagnosi, erano i meccanici che dovevano fare una diagnosi dei guasti, mentre ora è le centralina stessa di bordo che si autocontrolla e verifica lo stato del mezzo.
I sistemi OBD forniscono al proprietario del veicolo o ad un meccanico accesso alle informazioni sullo “stato di salute” dei vari sottosistemi del veicolo: la normativa standard (in Europa e Stati Uniti) è riferita però solo ai sottosistemi “emission relevant”, cioè quelli che, se rotti, possono portare ad un aumento delle emissioni, come catalizzatore, sonda lambda ecc., mentre gli altri sistemi (es. airbag, climatizzatore ecc.) hanno un’autodiagnosi non standard, definita a piacimento da ogni costruttore automobilistico.
[...]

La quantità di informazioni diagnostiche disponibili via OBD è cambiata molto dall’introduzione, nei primi anni ottanta dei computer di bordo negli autoveicoli (centraline) che hanno reso possibile l’OBD.
Le prime implementazioni di OBD accendevano semplicemente una lampadina spia nel caso di problemi, ma non fornivano alcuna informazione ulteriore relativa alla natura del problema. Le moderne implementazioni di OBD utilizzano una porta di comunicazione digitale per fornire informazioni in tempo reale in aggiunta a una segnalazione della natura dei problemi tramite codici standard (DTC) “Diagnostic Trouble Codes” che permettono di identificare rapidamente e risolvere malfunzionamenti del veicolo.

Read the rest of this entry »

Post to Twitter Post to Diigo Post to Facebook Post to FriendFeed Post to Google Buzz Post to LinkedIn

Project Aurora: il firmware



Introduzione:
Oggi parleremo di come e’ composto il “cervello” del nostro progetto.. il firmware! Prendendo  la citazione da Wikipedia :

Il firmware è un programma, inteso come sequenza di istruzioni, integrato direttamente in un componente elettronico nel senso più vasto del termine. Lo scopo del programma è quello di avviare il componente stesso e consentirgli di interagire con altri componenti tramite l’implementazione di protocolli di comunicazione o interfacce di programmazione.

Read the rest of this entry »

Post to Twitter Post to Diigo Post to Facebook Post to FriendFeed Post to Google Buzz Post to LinkedIn