Posts Tagged ‘Arduino’

Project Aurora: Test su strada #2 + Mobile App

Nella giornata di ieri (23 Agosto 2012) abbiamo testato sul “campo” (un campo con la bellezza di 36° di temperatura…)  Arduino e l’applicazione prototipo per Android, ricavando un grandioso risultato!

Nel video postato sotto possiamo vedere Aurora collegata alla porta OBD-II della mia macchina (una Opel Astra GTC modello H 2008) e la ricezione dei dati via bluetooth. I sensori al momento monitorati (per fare i test) sono: Giri al minuto del motore, temperatura dell’acqua e velocità veicolo.

Al momento Aurora spedisce i dati dei sensori ad una velocità di 10 aggiornamenti ogni secondo! Rendendo l’esperienza dell’utente in realtime!
(sotto al video vi descrivo la descrizione tecnica)

Read the rest of this entry »

Post to Twitter Post to Diigo Post to Facebook Post to FriendFeed Post to Google Buzz Post to LinkedIn

Project Aurora: Dove si trova la porta OBD-II ?

In questo post parleremo della porta OBD-II elemento chiave nel nostro progetto Aurora.

:: Un po’ di storia ::
(tratto da wikipedia)

 

L’OBD-II è uno standard definito negli Stati Uniti a metà degli anni novanta che permette di avere un controllo completo sui parametri del motore e monitorare altre parti di un autoveicolo come il telaio e gli accessori; inoltre permette di connettersi al sistema di diagnostica. OBD-II è stato emanato dal California Air Resources Board.
L’OBD-II è soprattutto un’interfaccia a sola lettura per acquisire segnali di diagnostica. Lo standard OBD-II definisce inoltre alcuni comandi per il controllo dell’output, per le modalità di autocontrollo e per l’azzeramento della memoria KAM (Keep Alive Memory).

[...]
Prima dell’autodiagnosi, erano i meccanici che dovevano fare una diagnosi dei guasti, mentre ora è le centralina stessa di bordo che si autocontrolla e verifica lo stato del mezzo.
I sistemi OBD forniscono al proprietario del veicolo o ad un meccanico accesso alle informazioni sullo “stato di salute” dei vari sottosistemi del veicolo: la normativa standard (in Europa e Stati Uniti) è riferita però solo ai sottosistemi “emission relevant”, cioè quelli che, se rotti, possono portare ad un aumento delle emissioni, come catalizzatore, sonda lambda ecc., mentre gli altri sistemi (es. airbag, climatizzatore ecc.) hanno un’autodiagnosi non standard, definita a piacimento da ogni costruttore automobilistico.
[...]

La quantità di informazioni diagnostiche disponibili via OBD è cambiata molto dall’introduzione, nei primi anni ottanta dei computer di bordo negli autoveicoli (centraline) che hanno reso possibile l’OBD.
Le prime implementazioni di OBD accendevano semplicemente una lampadina spia nel caso di problemi, ma non fornivano alcuna informazione ulteriore relativa alla natura del problema. Le moderne implementazioni di OBD utilizzano una porta di comunicazione digitale per fornire informazioni in tempo reale in aggiunta a una segnalazione della natura dei problemi tramite codici standard (DTC) “Diagnostic Trouble Codes” che permettono di identificare rapidamente e risolvere malfunzionamenti del veicolo.

Read the rest of this entry »

Post to Twitter Post to Diigo Post to Facebook Post to FriendFeed Post to Google Buzz Post to LinkedIn

Project Aurora: Applicazione Android

In questi giorni di caldo e in attesa che i componenti arrivino (OBD-II e Bluetooth Shield) mi sono avvantaggiato creando su github lo scheletro dell’applicazione smartphone per android!

Read the rest of this entry »

Post to Twitter Post to Diigo Post to Facebook Post to FriendFeed Post to Google Buzz Post to LinkedIn

Project Aurora: Test del sistema I²C

 

Oggi parleremo del protocollo I²c , fondamentale per il nostro progetto. Come anticipato  negli scorsi post, il protocollo serve a far colloquiare due o più dispositivi tramite un bus. In dettaglio prendiamo la citazione da Wikipedia:

I²C, acronimo di Inter Integrated Circuit (pronuncia i-quadro-ci o i-due-ci), un sistema di comunicazione seriale bifilare utilizzato tra circuiti integrati [...]  classico bus I²C è composto da almeno un master ed uno slave (letteralmente “capo, padrone” e “sottoposto, schiavo”).”

Nel nostro caso ci servirà a far colloquiare l’Arduino adibito per prendere informazioni dalla centralina tramite porta OBD-II e il nostro Aurora perchè (come specificato nel primo post del progetto), il micro controllore che stiamo utilizzando (Arduino UNO) supporta solo una seriale.

Per testare il collegamento e rilevarne la velocità ho costruito un piccolo circuito.

Read the rest of this entry »

Post to Twitter Post to Diigo Post to Facebook Post to FriendFeed Post to Google Buzz Post to LinkedIn

Project Aurora: il firmware



Introduzione:
Oggi parleremo di come e’ composto il “cervello” del nostro progetto.. il firmware! Prendendo  la citazione da Wikipedia :

Il firmware è un programma, inteso come sequenza di istruzioni, integrato direttamente in un componente elettronico nel senso più vasto del termine. Lo scopo del programma è quello di avviare il componente stesso e consentirgli di interagire con altri componenti tramite l’implementazione di protocolli di comunicazione o interfacce di programmazione.

Read the rest of this entry »

Post to Twitter Post to Diigo Post to Facebook Post to FriendFeed Post to Google Buzz Post to LinkedIn

Project Aurora: i componenti

 

 


Hardware
L’hardware scelto per il progetto è Arduino per la sua facilità di implementazione e la programmazione di esso.

Passiamo dunque alla lista dei componenti utilizzati:


2 x Arduino UNO

Abbiamo  bisogno di due Arduino:

  • il primo avrà la funzione di “catturare” tutti i dati dalla centralina
  • il secondo di impacchettare e spedire via bluetooth i dati.

Purtroppo uno non poteva bastare! Il modulo bluetooth (o bluetooth shield) e il modulo OBD-II utilizzando una seriale ciascuno. Il numero presenti di seriali in “Arduino UNO” è UNO .. (guarda caso :) )…

1 x OBD-II TTL Adapter (acquistabile qui)

Questo modulo servirà ad attaccare il nostro Arduino sulla porta presente nella nostra auto


1 x BlueTooth shield (aquistabile qui)

Questo modulo invece servirà a spedire al nostro telefono tutte le informazioni

 

 

 

Nel prossimo post parleremo del firmware nel nostro Aurora!

Post to Twitter Post to Diigo Post to Facebook Post to FriendFeed Post to Google Buzz Post to LinkedIn

VividoLAB: Project Aurora (introduzione)

 

E’ nato un nuovo progetto VividoLAB!
Il progetto ha il nome di Project Aurora. Si tratta di creare un dispositivo che, utilizzando la porta OBD-II (presente in tutte le macchine) , trasmetta tramite bluetooth tutte informazioni relative a:

  • Giri al minuto del motore
  • Velocità
  • Marcia inserita
  • Carico del motore
  • Pressione turbina (in caso di presenza di essa)
  • Consumo medio di carburante
  • Pressione barometrica
  • Temperatura motore

Una volta prese tutte queste informazioni verranno spedita ad un webservice  ed consultabile online!

Filosofia
Il progetto ha l’intenzione di seguire la filosofia open-source, rendendo modificabile sotto l’aspetto del firmware e hardware, rendendo la possibilità a tutte le persone di migliorare e implementare nuove funzionalità!

Il progetto verrà pubblicato a “puntate” per  la costruzione da zero!

PS: Ringrazio Orlando Ariani per il logo fantastico che ha fatto!

 

Post to Twitter Post to Diigo Post to Facebook Post to FriendFeed Post to Google Buzz Post to LinkedIn

Scambio dati tra Android e Arduino tramite Pachube – Articolo 1

Cosa è Pachube: “Pachube is a realtime data infrastructure platform for the Internet of Things, managing millions of datapoints per day from thousands of individuals, organisations & companies around the world. Pachube’s powerful and scalable infrastructure enables you to build ‘Internet of Things’ products and services, and store, share & discover realtime sensor, energy and environment data from objects, devices & buildings around the world.” E’ sicuramente una delle piattaforme per la gestione di dati in realtime più conosciute per la manipolazione di dati per dell’intenet delle cose. Il significato invece delle termine the Internet of Things si basa sul concetto di collegare oggetti di qualsiasi natura ad internet in modo che possano comunicare informazioni, un esempio tipico è sicuramente come delle scarpe possano comunicare le informazioni di velocità, percorso e tempi magari per fare una maratona mondiale rimanendo sul tuo percorso di jogging di tutti i giorni. Pachube mette a disposizione un accesso web il cui fine è lo scambio di informazioni tra dispositivi differenti. In questa serie di articoli vogliamo testare una struttura che ha il fine di trasmettere dati da un dispositivo android verso un dispositivo arduino e viceversa, per fare questo abbiamo a punto bisogno di un punto web in cui i dispositivo recuperano e inviano informazioni, per rendere il test veloce ed economico ho deciso di sfruttare Pachube come punte di connessione tra i due dispositivi, nulla vieta di creare un web service personalizzato e utilizzarlo per lo scambio di dati. Read the rest of this entry »

Post to Twitter Post to Diigo Post to Facebook Post to FriendFeed Post to Google Buzz Post to LinkedIn